Tags : accumulo

Sistemi di accumulo: ecco le batterie a bassisimo degrado

Il colosso cinese delle batterie, CATL, ha recentemente presentato il suo ultimo ed innovativo prodotto: TENER. Questo avanzato sistema di accumulo di energia, progettato per essere prodotto in serie, vanta una capacità di 6,25 MWh. E promette un degrado zero nei primi cinque anni di utilizzo. La longevità è un aspetto cruciale per i BESS […]Leggi

Batterie dagli scarti organici: l’Italia ci crede

Materiali avanzati sempre più sostenibili, performanti, sicuri e a basso costo per una nuova generazione di batterie green: è quanto intende sviluppare ORANGEES[1], un progetto da 4 milioni di euro, che vede in campo una partnership tutta italiana composta dal Consiglio nazionale delle ricerche (capofila), ENEA, Consorzio interuniversitario nazionale per la scienza e tecnologia dei materiali, Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), Ricerca sul Sistema […]Leggi

Sistemi di accumulo: la prima batteria con emoglobina

I ricercatori dell’Università di Cordoba, in collaborazione con altre istituzioni, hanno sviluppato un nuovo tipo di batteria utilizzando l’emoglobina come catalizzatore nelle batterie zinco-aria. Questa batteria biocompatibile può funzionare fino a 30 giorni e offre diversi vantaggi, come la sostenibilità e l’idoneità all’uso in dispositivi per il corpo umano. Nonostante la sua natura non ricaricabile, […]Leggi

iOWC: dalla Spagna la nuova batteria acqua-aria

I ricercatori dell’Università di Cordoba hanno provato e analizzato il funzionamento di un sistema di accumulo di energia basato su un serbatoio cilindrico immerso nell’acqua, iOWC. E’ in grado di immagazzinare e rilasciare energia in risposta al fabbisogno. L’energia pulita, basata su fonti rinnovabili come la luce del sole e il vento, offre una strada […]Leggi

Batterie litio-zolfo: performance interessanti

Una batteria al litio-zolfo di dimensioni più ridotte e più leggera riduce i costi e migliora le opzioni di riciclaggio. I ricercatori della Monash University hanno sviluppato un nuovo progetto di batteria al litio e zolfo con un anodo in lamina di litio rivestito di polimeri nanoporosi. Il risultato è la riduzione della quantità di […]Leggi

Sistemi di accumulo: ecco le batterie geotermiche

Una idea davvero suggestiva quella di stoccare nel sottosuolo l’energia rinnovabile di eolico e fotovoltaico anziché in batterie elettrochimiche. In questo ambito sono nati negli ultimi anni diversi progetti che utilizzano la compressione di un fluido di lavoro in strutture sotterranee, artificiali o naturali. E’ proprio in questo ambito che si inseriscono oggi le nuove […]Leggi

Batterie agli ioni zinco: densità energetica record

Negli ultimi anni, tra i contendenti nella corsa allo sviluppo di nuove forme di energy storage, le batterie agli ioni di zinco hanno cominciato a guadagnarsi uno spazio di rilievo nella ricerca scientifica. Ciò grazie al materiale principale utilizzato, ovvero lo zinco, un metallo di transizione molto più abbondante rispetto al litio. Inoltre, le batterie […]Leggi

La batteria a metallo liquido: costi bassi e una lunga

La batteria a metallo liquido sarà in rete l’anno prossimo. Il suo design a base di calcio e antimonio fuso promette bassi costi e lunga durata L’antimonio è un elemento chimico che potrebbe trovare nuova vita nel catodo di una batteria a metallo liquido. Il costo è una variabile cruciale per qualsiasi batteria che possa […]Leggi

Il futuro delle batterie solari multifunzionali è luminoso!

Fotovoltaico ed accumulo costituiscono oggi un connubio indissolubile della transizione energetica e poterli vedere come una cosa sola rappresenta una visione davvero rivoluzionaria. È quello che teoricamente avviene nelle batterie solari, sistemi elettrochimici capaci di immagazzinare direttamente l’energia del sole. Si tratta di dispositivi che nella loro forma più semplice sono costituiti da tre stati distinti: […]Leggi

Supercondensatori in carbonio-cemento per l’accumulo di energia

Un team di ricerca del MIT di Boston ha messo a punto un sistema per addizionare il cemento con acqua e nerofumo per farlo divenire un supercondensatore capace di immagazzinare energia. Sono sufficienti acqua e un pizzico di nerofumo per trasformare le fondamenta di casa in un supercondensatore capace di alimentare un’abitazione di medie dimensioni o il […]Leggi