Tags : economia circolare

Biocemento: da Singapore una ricetta di economia circolare

Biocemento. Un team di ricerca della Nanyang Technological University (NTU) di Singapore ha messo a punto un’alternativa al cemento tradizionale, utilizzando materiali di scarto. Il nuovo biocemento che arriva da Singapore è prodotto dai rifiuti ed a basse emissioni. Rappresenta una valida alternativa più sostenibile rispetto al classico cemento Portland. Con una ricetta che parte dai fanghi […]Leggi

Green Book 2022: rapporto sui rifiuti urbani in Italia

Green Book è la monografia completa del settore rifiuti urbani in Italia promosso da Utilitalia e curato dalla Fondazione Utilitatis. Il volume è strutturato in 3 sezioni, in ognuna delle quali vengono affrontati specifici aspetti del settore ambiente. Gli ambiti trattati sono: il contesto normativo di riferimento gli aspetti di governance locale e gestionali i […]Leggi

Pneumatici con plastica riciclata da bottiglie in Pet

Pneumatici con plastica riciclata da bottiglie in Pet. Continental ha lanciato una nuova linea davvero innovativa di pneumatici costruiti con filati di poliestere riciclati derivati da bottiglie di plastica PET. Si tratta di un materiale oltre che innovativo, nei nuovi scenari di economia circolare, anche dalle alte prestazioni. Verrà lanciato sul mercato a partire dalla linea di […]Leggi

Consorzio Ecotessili: raccolta differenziata degli scarti tessili

Consorzio Ecotessili. E’ entrato in vigore lo scorso 1° gennaio 2022 l’obbligo della raccolta differenziata dei prodotti tessili. E per questa branca della differenziata è stato costituito Ecotessili, il primo consorzio che risponde alla responsabilità estesa del produttore (EPR) attivato in Italia. Un perimetro molto esteso quello dei prodotti tessili dismessi. Vecchi abiti, tende, copridivani, […]Leggi

Spreco alimentare: 10 regole per evitarlo

Ogni anno in Italia vengono sprecate oltre 5 milioni di tonnellate di cibo. Circa 85 chilogrammi pro capite, pari al 15,4 % dei consumi alimentari totali. Con un costo di 12,6 miliardi di euro e oltre 24,5 milioni di tonnellate di carbonio emesse. In Europa lo spreco arriva a 90 milioni di tonnellate, ovvero 180 […]Leggi

Rifiuti agricoli: il progetto Polieco in Sardegna

Polieco: rifiuti agricoli da problema a risorsa in Sardegna. Nuove possibilità per il riciclo di rifiuti plastici non pericolosi provenienti dal comparto agricolo. Rifiuti da inserire in un’adeguata filiera di recupero. Previa rimozione di molte tonnellate di teli da serra, ali gocciolanti ed altri materiali residui dell’attività di lavorazione dei campi. Questo Il risultato del progetto […]Leggi

Plastic Buster: la seconda vita dei secchi in plastica

Plastic Buster. Sta per prendere il via un progetto innovativo per il riutilizzo e il riciclo dei secchi in plastica delle vernici ad acqua. Iniziativa avviata con un finanziamento della Fondazione Cariplo e di Corepla, con il patrocinio del MiTE. Il progetto è portato avanti da un team coordinato dall’organizzazione non profit ambientalista Class Onlus. E composto dalla marca di Pennelli Cinghiale, dall’etichetta della grande […]Leggi

Portent: un progetto ENEA per riciclare i vecchi smartphone

Portent è un progetto per creare un nuovo processo per il recupero di materiali e metalli di alto valore da telefoni cellulari a fine vita. Il tutto nell’ottica virtuosa dell’economia circolare. Il progetto Portent è co-finanziato da Regione Lazio. Mentre il coordinamento è del Laboratorio ENEA ‘Tecnologie per il Riuso, il Riciclo, il Recupero e la […]Leggi

Riciclo: 2 nuovi consorzi per rifiuti tessili e materassi

Gestione dei materassi e imbottiti dismessi e dei rifiuti tessili. Nell’ambito del Sistema Ecolight, sono nati due nuovi consorzi nazionali promossi da FederDistribuzione e dalle imprese ad essa associate: Ecoremat ed Ecotessili. A fronte delle previsioni normative attuali, è oramai imminente l’obbligatorietà della raccolta differenziata per i rifiuti tessili. Dal momento che, anticipando le indicazioni […]Leggi

Decrescita Felice: on line il nuovo dossier

Riceviamo e segnaliamo il nuovo dossier del Movimento per la Decrescita Felice. Il fallimento della COP26 di Glasgow. L’ennesima riprova che il modello di sviluppo e di pensiero cui ci siamo affidati non è in grado di risolvere i problemi strutturali delle società. Fra crescita delle diseguaglianze, politiche securitarie, crisi economica, pandemia ed emergenza climatica, […]Leggi