Fotovoltaico, Penna (M5S): “Un bonus per l’autosufficienza energetica”

Superbonus, bisogna ripartire! I dati ANCE

Superbonus. Il commento dell’On. Riccardo Fraccaro ai dati presentati dall’Osservatorio congiunturale di ANCE, associazione nazionale costruttori edili.

Anche l’Ance oggi conferma, con i dati del suo Osservatorio, il ruolo centrale del Superbonus 110% per la ripresa dell’edilizia. +16,4% lo scorso anno rispetto al 2020 e +9,1% rispetto al 2019. Con un +26,7% di ore lavorate e +11,8% di lavoratori iscritti. Ma purtroppo l’associazione dei costruttori conferma anche il nostro allarme sulla brusca frenata inferta al settore dalle recenti misure volute del presidente Draghi e dal ministro Franco. Per il 2022 la previsione è di una stabilizzazione del settore sui livelli del 2021. Con conseguente cessazione dell’effetto traino sulla crescita del Pil nazionale. Un errore gravissimo in questa fase così delicata.

La nostra economia è già in difficoltà rispetto alle attese a causa della crisi energetica e dell’aumento dei prezzi delle materie prime. Non permetteremo che sul Superbonus e sul settore edilizio pesi anche l’incertezza normativa determinata da scelte miopi e sproporzionate.

Con i nostri emendamenti al decreto Sostegni-bis siamo pronti a recuperare il tempo perso con il blocco della cessione dei crediti poi parzialmente corretto con il decreto del 18 febbraio.

Superbonus

Auspichiamo che le altre forze politiche convergano anche sui nostri emendamenti relativi alle abitazioni unifamiliari. Via la soglia intermedia del 30% dei lavori a fine giugno e più tempo per terminare i lavori, superando l’attuale termine del 31 dicembre. Dopo di che, la nostra richiesta al governo è di prestare ascolto alle richieste espresse dagli operatori del comparto. E di smetterla con interventi che creano instabilità e incertezza bloccando gli effetti benefici della nostra misura.

Redazione

Articoli correlati