NatureWorks annuncia un’ulteriore tecnologia di purificazione del monomero lattide per espandere la disponibilità del biopolimero Ingeo™ dallo stabilimento USA

NatureWorks, il principale produttore mondiale di bio-materiali termoplastici base PLA  (acido polilattico), a basse emissioni di carbonio, ha annunciato oggi – con un comunica stampa internazionale – l’inizio della fase operativa di nuovi progetti tecnologici volti all’incremento della offerta sul mercato di questa gamma di materiali per rispondere alla domanda mondiale in crescita; tra questi  un impianto ad alta efficienza per la purificazione del monomero lattide, estratto dagli amidi per via enzimatica. Questa aumenterà del 10% la disponibilità dell’intero di bio-materiali Ingeo™. L’installazione è attualmente in corso presso lo stabilimento NatureWorks di Blair, Nebraska (US) che è il primo e il più grande impianto di produzione di PLA su scala commerciale al mondo. I progetti saranno completati entro la fine del 2021.

La maggiore disponibilità risponderà alla crescita  della domanda di biopolimeri da fonte agricola (in questo caso da mais) e biodegradabili per sviluppare prodotti anche compostabili, secondo la norma EN13432, come gli imballaggi monouso del settore alimentare e indirizzata a quei mercati come quello Europeo che richiedono materiali sostenibili a basse emissioni di carbonio e richiedono gli attributi ad alte prestazioni che il biopolimero PLA Ingeo™ è particolarmente adatto a fornire. Questi mercati includono la stampa 3D e le maschere igieniche in tessuto non tessuto, nonché capsule di caffè compostabili, bustine di tè e articoli per la ristorazione in carta patinata.

“Il mercato continua a evolversi rapidamente a causa della pandemia COVID-19 – si legge nel comunicato ufficiale della azienda – ma anche  della domanda inalterata di alternative sostenibili a base biologica, alla plastica a base petrolchimica”, ha affermato Rich Altice, Presidente e CEO di NatureWorks. “Affinché NatureWorks soddisfi questa domanda senza precedenti, questa tecnologia di purificazione è uno dei tanti miglioramenti di capitale aggiuntivi a cui stiamo lavorando attivamente presso la nostra struttura di Blair. Allo stesso tempo, continuiamo a perseguire un potenziale futuro 2° sito di produzione al di fuori degli Stati Uniti per servire i nostri mercati internazionali in crescita “.

Fonte foto: Natureworks

L’acido polilattico Ingeo™ viene prodotto in un processo in più fasi che inizia con l’utilizzo di piante rinnovabili annualmente per trasformare i gas serra come l’anidride carbonica in molecole di zucchero a catena lunga. Il destrosio, derivato dalle molecole di zucchero vegetale, viene fermentato in acido lattico che poi subisce un processo brevettato in due fasi per trasformarlo in lattide, il monomero del polimero dell’acido polilattico Ingeo.

Impegno per un’agricoltura sostenibile

Le materie prime rinnovabili utilizzate annualmente saranno certificate dall’International Sustainability & Carbon Certification System (ISCC) secondo lo standard ISCC PLUS delle migliori pratiche nella produzione agricola entro il 2025.

Nell’ambito della partecipazione di NatureWorks all’impegno e all’impegno globale della New Plastics Economy per un’agricoltura sostenibile, hanno annunciato una nuova iniziativa nel 2019 per garantire che entro il 2020 il 100% delle materie prime agricole utilizzate per Ingeo prodotte nel loro sito di produzione di Blair, Nebraska, sarà certificato come sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale dall’International Sustainability & Carbon Certification System (ISCC). Entro il 2025, NatureWorks si è inoltre impegnata a certificare il 100% delle nuove materie prime per capacità di produzione aggiuntiva come gestite in modo sostenibile e responsabile tramite un programma gestito da terzi indipendenti. NatureWorks è stato il primo produttore di biopolimeri a ottenere la certificazione secondo il nuovo standard ISCC PLUS nel 2012 e attualmente ha certificato più del 60% delle sue materie prime agricole.

Marco Benedetti – Chimica Verde Bionet

Digiqole ad

Redazione

Articoli correlati