“L’agile mangusta”: uno sguardo eretico sugli anni 80

“L’agile mangusta”, il libro di Alfio Nicotra su Democrazia Proletaria e gli anni 80. Alfio Nicotra, giornalista, per anni rappresentante del Partito della Rifondazione Comunista, è attualmente Presidente dell’Organizzazione Non Governativa “Un Ponte Per”. Da poco è uscito il suo libro sugli anni Ottanta e sulla formazione politica di Democrazia Proletaria. Il libro sarà presentato ad Arezzo il prossimo 21 ottobre, presso il Palazzo Comunale, con ospiti e testimoni privilegiati di quella storia politica.

Link evento con tutte le informazioni

Democrazia proletaria fu la più eretica delle formazioni politiche della nuova sinistra nate negli anni Settanta

La sua originalità si desume sin dal soprannome che ne diede il leader Mario Capanna. L’agile mangusta che doveva muoversi con sveltezza per colpire il cobra della Democrazia Cristiana e del padronato. Uno strumento leggero e coerente più efficace del pesante e immobile pachiderma del Partito Comunista Italiano.

«Il piccolo partito dalle grandi ragioni»

A trent’anni dallo scioglimento, questa storia, scritta dalla visuale privilegiata di Alfio Nicotra che fu membro della direzione del partito, scava soprattutto nelle proposte di legge e negli atti parlamentari del periodo di massima attività. Ovvero dal 1983 al 1987 in cui poté contare su sette deputati. Il libro ci riporta dentro una legislatura carica di eventi importanti per la storia del paese. Dal primo governo a guida socialista di Craxi alla morte di Enrico Berlinguer. Dalla lotta contro il dispiegamento dei missili nucleari a Comiso all’accordo tra Reagan e Gorbačëv. Dalla crisi di Sigonella alla sconfitta operaia sul referendum sulla scala mobile. Una fase di profonda trasformazione politica e sociale. In cui leggere i segni della frana che porterà negli anni 90 alla scomparsa di tutti i partiti della Prima repubblica.

Nelle parole dell’autore, il libro rappresenta anche un tentativo di riscatto per la generazione degli anni Ottanta.

«Gli anni Ottanta, spesso ingiustamente liquidati come il periodo della restaurazione, furono invece ricchissimi di processi di resistenza sociale. E videro l’emergere di un nuovo impegno politico sui grandi temi della pace, dell’ambiente e del femminismo. C’è una generazione non raccontata o, se vogliamo, derubricata ad aspetto marginale in un’epoca segnata dal thatcherismo, dal reaganismo e, in Italia, dal decisionismo craxiano».

exco
Entra gratis nella fiera virtuale delle ecotecnologie

Fonte articolo: arezzonotizie.it

Digiqole ad

Redazione

Articoli correlati