Associazionismo e sostenibilità: l’esperienza pugliese di 3Place

Esplorando il sempre più ricco tessuto delle associazioni impegnate nel contesto della sostenibilità e della rigenerazione urbana, facciamo oggi conoscenza con l’Associazione pugliese 3Place, attraverso un’intervista al suo Presidente, l’Ingegner Riccardo Moschetta.

Ingegner Moschetta com’è iniziato questo percorso e chi c’è dietro il gruppo 3Place?

Questo percorso nasce nell’estate 2018, quando mi accorsi che la gente locale non faceva altro che lamentarsi sui social del problema abbondono dei rifiuti per la città, nelle periferie, sulle spiagge…ma nessuno che faceva qualcosina in piu’ del solo piangersi addosso.

Come mai 3Place? Solitamente trovo nomi legati direttamente al problema, ma questo invece è molto originale. Anche il logo sembra avere diversi significati aiutaci a decifrarlo.

Il nome 3Place nasce da una mia idea di insieme di significati: partendo dal fatto che a livello sonoro si avvicina al termine FREE PLACE, iniziale di uno slogan FREE PLACE FROME WASTE, ossia posto/luogo libero da rifiuti. Poi le 3P, ossia PULISCI, PESA, POSTA, lo slogan posto immediatamente sotto il logo, che ci ha identificati subito nell’obiettivo da portare avanti: PULISCI un luogo (place) che vuoi, PESA anche indicativamente quanto hai raccolta, e POSTA sui social…in modo che la TUA AZIONE SOSTENIBILE sia da sprono, smuova quante più coscienze possibili. Il LOGO poi è stata la vera SVOLTA: contattati un mio amico Alb Nous, di Napoli, al quale li raccontai della mia volontà di creare la pagina facebook e lui subito mi disse che il LOGO sarebbe stata opera sua (tutto a gratis!)…e devo ammettere che è veramente originale ed identitario: se lo vedi bene sono 3 “p” che si rincorrono tra loro formando il triangolo; poi il triangolo è simbolo del RICICLO, nonché anche di PERICOLO. Ma anche quel triangolo è la pancia della P. E non ultimo è il contenitore a 3 bocche di raccolta differenziata vista dall’alto, che trovi in centri commerciali.

La vostra pagina è piena di video che parlano di tanti problemi e iniziative a cui avete partecipato, quali altri progetti state portando avanti?
Partiamo dalle azioni di cleanup, ossia azioni di raccolta rifiuti abbandonati, che ci hanno visti presenti in piu’  30 cleanup di gruppo nel 2019 (nella città di Andria in diversi quartieri…tra cui l’ultimo del World Cleanup Day  con quasi 500 Andriesi per strada, poi a BARLETTA, BARI, BISCEGLIE, TRANI, CORATO). Abbiamo stimato più di 10 TONNELLATE di rifiuti raccolte dai nostri cleanup.

Oltre ai cleanup stiamo portando avanti una miriade di altri progetti:

ADOTTA UN BARATTOLO, che ha visto l’adesione di oltre 100 attività di Andria nel posizionare fuori dal proprio negozio il nostro Barattolo porta mozziconi (iniziativa portata ad Andria dai ragazzi di WhatsArt), iniziativa poi riproposta da altre associazioni (e questo non ci fa che piacere) a Barletta e Corato. Pensa che abbiamo segnalato il progetto a Striscia La Notizia, e due settimane fa è andato in onda il servizio su tale progetto.

BOSCO URBANO, che ha visto la piantumazione di circa 50 piante autoctone in una zona un po’ abbandonata della città di Andria

E-WALL il muro ecologico con bonifica e pitturazione di oltre 100 metri di parete esterna all’ingresso di una scuola Primaria della nostra città con murales sul Pianeta Terra.

La CAMPAGNA SUL CORRETTO SMALTIMENTO DELL’OLIO VEGETALE ESAUSTO, come anche la mappatura su MAPS dei contenitori di raccolta differenziata presenti in città ad Andria.

Siamo entrati nel FORUM AMBIENTE E SALUTE RICORDA RISPETTA della nostra Città assieme ad altre 42 associazioni per far sentire la nostra presenza ai Cittadini da un lato ed alle Istituzione dall’altro. A Febbraio 2020 con il FORUM eravamo in 5mila in strada per gli sforamenti di polveri sottili rilevati dalla centralina ARPA. 

Siamo entrati in CLEANUP ITALIA quasi dall’inizio: il gruppo oggi conta circa 55 associazioni in tutta Italia. Siamo entrati in BUONCAMPO, un portale che mette in rete persone, enti no profit e risorse per coltivare progetti.

Siamo nel FRIDAYS FOR FUTURE ANDRIA: oltre ad aver partecipato ai Global Strike del 2019 assieme ai ragazzi delle scuole Andriesi, abbiamo iniziato un percorso di incontri nelle scuole con approfondimenti sui cambiamenti climatici e sui comportamenti che potremmo adottare sin da subito per rendere piu’ sostenibili i nostri stili di vita.

Vi state muovendo in molte direzione, in questi anni di lavoro hai visto un cambiamento nella tua città?

Si, devo ammettere che qualche cambiamento lo stiamo vedendo, soprattutto in termini di cittadinanza attiva: ad esempio è stato rilevato un aumento del 40% delle quantità di olio vegetale esausto smaltito, abbiamo riscontrato un crescente numero di persone che partecipa ai nostri cleanup, sono aumentate le segnalazioni di roghi e/o rifiuti abbandonati, abbiamo riscontrato un aumento delle quantità di mozziconi raccolti nei barattoli, l’aumento di azioni di cleanup del tutto autonome…ad esempio i ragazzi del Liceo Carlo Troya di Andria, nel 2019, né hanno fatti diversi, ogni sabato per circa due mesi.

Quali pensi saranno i prossimi sviluppi di questo gruppo?

Gli sviluppi del gruppo saranno: sicuramente proseguire i progetti già in essere, e poi dare una impronta più digital con incontri, live, coinvolgendo sempre piu’ la nuova generazioni di ragazzi.

Possiamo chiedere di mandare un messaggio a tutte le persone che ancora oggi non capiscono l’importanza di prendersi cura del nostro pianeta?

Il messaggio da inviare è quello di iniziare a informarsi, a studiare, ad approfondire le varie tematiche e cause dei cambiamenti climatici, in modo da poter modificare sin da subito i propri stili di vita insostenibili per il pianeta e nello stesso tempo informare i propri cari, conoscenti e amici. Per secondo e non ultimo come importanza: AGIRE. Agire per il Pianeta, con azioni di cleanup, affiancando ad associazioni già esistenti, facendo attività di informazione e sensibilizzazione…proprio perché gli studi scientifici parlano di eventi climatici che tra qualche anno saranno sempre piu’ catasfrofici e che porteranno alla morte di esseri animali e umani sempre piu’ frequenti ed incontrollate. Pertanto non ci rimane CHE AGIRE!

Riferimenti 3Place

ASSOCIAZIONE 3PLACE E.T.S.
LARGO MARTIRI DI VIA FANI 4
76123 ANDRIA (BT)
C.F. 90110550721

Scarica la brochure 3Place

Facebook https://www.facebook.com/THREE3PLACE
Instagram https://www.instagram.com/three3place/
Canale Telegram https://t.me/threeplace
Canale Youtube https://www.youtube.com/channel/UC2YOXBtA4SUCYviPrsd-csA
email: three3place@gmail.com

Digiqole ad

Redazione

Articoli correlati