Flames from a flaring pit near a well in the Bakken Oil Field. The primary component of natural gas is methane, which is odorless when it comes directly out of the gas well. In addition to methane, natural gas typically contains other hydrocarbons such as ethane, propane, butane, and pentanes. Raw natural gas may also contain water vapor, hydrogen sulfide (H2S), carbon dioxide, helium, nitrogen, and other compounds. (Source: www.earthworksaction.org). As of July 2014, roughly 30 percent of the (Photo by Orjan F. Ellingvag/Corbis via Getty Images)

Emissioni metano: accordo Usa-UE per riduzione

Clima, USA e UE annunciano il Global Methane Pledge: anche l’Italia aderisce all’iniziativa per ridurre le emissioni globali di metano

E’ arrivato nel fine settimana un traguardo fondamentale nella finora frammentata strategia internazionale per la riduzione delle emissioni di metano.

La Ue e gli Stati Uniti, assieme ad altri otto Paesi, hanno lanciato sabato la Global Methane Pledge, iniziativa con cui si impegnano a ridurre i rilasci di questo gas in atmosfera di “almeno il 30% al 2030 rispetto al 2020”.

L’iniziativa, elaborata in vista della conferenza sul clima Cop 26 che si terrà a Glasgow a novembre, arriva all’indomani del Forum della Maggiori Economie sull’Energie e il Clima, incontro svoltosi venerdì in forma virtuale, cui hanno partecipato i presidenti Usa Joe Biden e della Commissione Ue Ursula Von Der Leyen ed i rappresentanti dei Governi di nove Paesi.

Le dichiarazioni di Mario Draghi

Tra questi il presidente del Consiglio Mario Draghi, che nel suo videomessaggio ha preannunciato che “l’Italia accoglie con favore il Global Methane Pledge” e spiegato che “dobbiamo raggiungere un’intesa comune sulla necessità di ridurre in modo significativo tutte le emissioni di gas a effetto sera, compreso il metano, nel prossimo decennio”.

Per far questo, ha aggiunto Draghi, “dobbiamo basarci sull’accordo raggiunto nella riunione del G20 sul clima a Napoli, che sottolinea l’importanza di meccanismi di monitoraggio credibili”.

Major Economies Forum on Energy and Climate, il videomessaggio del Presidente del Consiglio Draghi

Le decisioni Usa – UE

In questo senso, un comunicato congiunto Ue-Usa precisa che il Global Methane Pledge impegna i firmatari a “utilizzare le migliori metodologie di contabilizzazione per quantificare le emissioni di metano, con un focus particolare sulle fonti ad alta emissione”.

Centrare l’impegno significherà ridurre il surriscaldamento globale di oltre 0,2°C entro il 2050, assicura il comunicato, specificando che “la maggiori fonti di emissioni di metano sono il petrolio e il gas, il carbone, l’agricoltura e le discariche”. I Paesi firmatari dell’impegno emettono assieme più di un quinto delle emissioni mondiali di metano.

Oltre all’Italia e a Ue e Usa, gli aderenti all’iniziativa sono Argentina, Ghana, Indonesia, Iraq, Messico e Regno Unito. L’obiettivo è allargare il più possibile l’elenco prima e durante la Cop 26.

Il comunicato conclude ricordando le varie azioni per la riduzione delle emissioni di metano già intraprese dalla Commissione Ue, che ha adottato una strategia ad hoc un anno fa e “presenterà quest’anno una normativa per la misurazione, rendicontazione e verifica delle emissioni che imporrà limiti al venting e al flaring e requisiti per l’identificazione e la riparazione delle perdite”.

Anche negli Usa, nel suo primo giorno da presidente, Biden ha firmato un ordine esecutivo che ha portato all’emanazione da parte dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente (Epa) di nuove norme per la riduzione delle emissioni di metano dell’industria oil&gas.

foto di copertina: Orjan F. Ellingvag/Corbis via Getty Images

Redazione

Articoli correlati