Jetson One: lo scooter volante è realtà

Jetson One: lo scooter volante è realtà. Il Valdarno al centro di un progetto di altissima tecnologia. Messo a punto da un’azienda svedese, la Jetson, ha trovato casa nella vecchia Filanda di Pieve a Presciano, nel comune di Laterina Pergine Valdarno. L’area di questa ex fabbrica adibita a produzione della seta e poi riadattata alla produzione di paracaduti presenta, nei campi limitrofi, una aviosuperficie con una pista di 800 metri già utilizzata per atterraggio e decollo di piccoli aerei. Qui si produrranno e testeranno droni monoposto all’avanguardia per trasporto umano.

Parliamo concretamente di uno scooter volante dotato di quattro rotori e che vanta 80 kg di peso. E’ in grado di restare in volo per venti minuti, ma nel 2024 si prevede la commercializzazione di un modello con dieci minuti in più di autonomia. Ogni dotazione di sicurezza è compresa, anche un paracadute per le emergenze più gravi. La velocità massima è di 100 km/h. Per guidarlo non servono patentini o permessi, anche per questo il veicolo ha registrato un discreto successo fin da subito. Circa 600 gli ordini piovuti da tutto il mondo, per un totale di 10 milioni di euro di caparre versate. Le prime consegne sono previste nel 2023 a un prezzo di 90.000 euro a velivolo.

Jetson One: i Video

Chi vorrà acquistare il drone dovrà venire presso la sede nell’aretino per una sorta di scuola guida e per provare di persona l’ebbrezza del volo. Il progetto dello scooter volante, che prende il nome di “One” è stato messo a punto dallo svedese Peter Ternstrom e dal polacco Tomasz Patan.

“Abbiamo spostato tutto in Toscana e stiamo assumendo ingegneri e programmatori. Non ha idea di quante siano le persone che non vedono l’ora di trasferirsi in Italia per lavorare a un progetto simile”. Così ha raccontato ai microfoni di Repubblica il socio svedese Ternstrom. “Preferiamo concentrarci su cose molto più semplici dei taxi per i quali non ci sono ancor a normative adeguate. Per questo One è un progetto che sta già funzionando ancor prima di entrare nella fase produttiva“. Ma come mai proprio la Toscana? “Abbiamo costruito la pista di atterraggio e stiamo ristrutturando questa vecchia fabbrica di paracadute. In Svezia le condizioni meteorologiche non sono adatte ai test per buona parte dell’anno. E qui abbiamo a 150 chilometri di distanza le aziende che lavorano nel settore delle automobili e della Formula Uno. Aziende strategiche alle quali rivolgersi per trovare soluzioni all’avanguardia”.

Il sito web della Jetson: https://www.jetsonaero.com/

Leggi anche ABB: il futuro della e-mobility nasce in Valdarno

Redazione

Articoli correlati