Energia e clima: intervista a Livio De Santoli

Livio De Santoli, intervista de Il Manifesto al Prorettore alla sostenibilità dell’Università La Sapienza e Presidente del Coordinamento Free. Ed ora candidato alle politiche con i 5S.

«Non si può sostituire il gas con altro gas, basta ambiguità sulle rinnovabili» «C’è bisogno di arginare il pericolo di avere vecchie soluzioni. Faccio un appello ai Fridays for future: sono pronto a coinvolgerli da subito per andare avanti insieme»

Molti partiti si richiamo all’agenda Draghi, come giudica il lavoro del ministro Cingolani?
L’attività svolta negli ultimi anni, non solo negli ultimi due, è stata ondivaga. Tutti hanno sempre affermato l’importanza di prendere una strada decisa verso la decarbonizzazione. Ma nei fatti, quando si trattava di mettere in piedi delle soluzioni, non sono arrivate. C’è una grande confusione sul tema dell’energia e del clima anzi del clima se ne parla molto poco. Ci deve essere la volontà di tutti, a partire dal prossimo governo, per affrontare in tempi concreti l’uscita dalle fonti fossili. Un processo lungo che a maggior ragione va cominciato subito.

La destra, Calenda e Renzi propongono il nucleare.
Non è praticabile come soluzione a breve termine. Abbiamo un impegno con l’Ue: tagliare di più del 50% le emissioni entro il 2030. Mancano solo 8 anni perciò dobbiamo utilizzare le tecnologie esistenti. Le uniche che possono dare una mano in termini di costi, operatività, finanziamenti privati sono le rinnovabili. Elettricità futura ha spiegato che si possono fare 8 gigawatt di rinnovabili l’anno a costo zero con elettrico, termico e il contributo dei privati. La funzione dello Stato deve essere quella di semplificare le procedure. Se siamo ancora qui, con un rateo di miglioramento inferiore a un gigawatt l’anno, vuol dire che non arriveremo mai ai target che siamo chiamati a fare. E poi dobbiamo impegnarci sul fronte dell’efficienza energetica, di cui nessuno parla. Le rinnovabili devono andare di pari passo con la riduzione dei consumi.

Servono oppure no i rigassificatori?
La posizione sul punto deve essere netta: non possiamo sostituire il gas con altro gas. Lo potremo fare in un piccolo periodo transitorio ma si devono gettare le basi per l’uscita da questa fonte fossile. Se non cominciamo subito perderemo solo tempo. Abbiamo un problema con il gas russo da eliminare e quindi è chiaro che nell’immediato occorre sostituirlo con le forniture algerine. Ma, senza una strategia che guardi a un futuro sostenibile, elimineremo il problema con la Russia per averlo domani con l’Algeria. Probabilmente, in una fase transitoria e limitata, occorrerà un rigassificatore ma non è la soluzione, che va cercata nelle nostre risorse. Ovvero il sole, il vento, le rinnovabili.

Quali sono le politiche più urgenti?
Serve subito il Piano nazionale integrato di energia e clima, stiamo aspettando l’aggiornamento da più di un anno e mezzo. Occorre farlo e occorre che sia coerente con il percorso di uscita dalle fonti fossili. Bisogna anche spingere sulle semplificazioni, lo dice anche l’Ue. Tutti i paesi membri devono assicurare le autorizzazioni per gli impianti delle rinnovabili entro i 2 anni. Noi ci mettiamo 4, 6 anni di media. Dobbiamo individuare aree non vincolate e renderle libere da tutti i freni burocratici.

Insistere con soluzioni arretrate è un blocco allo sviluppo?
L’agrivoltaico, ad esempio, così come le comunità dell’energia sono fondamentali per dare una valenza sociale al settore. La transizione è una rivoluzione anche culturale e include la valutazione delle disparità sociali che esistono in Italia. Le comunità dell’energia consentono la partecipazione dei cittadini al vantaggio economico del rendere rinnovabile un condominio o un paese. L’agrivoltaico dà una mano alle aziende agricole per migliorare la loro produzione con i proventi dell’energia.

I detrattori affermano che la transizione fa perdere posti di lavoro.
Una cosa che non si può proprio sentire. Ci sono degli studi e io sono pronto a mostrarli, anche del mio dipartimento, che spiegano il vantaggio in termini di occupazione che uno sviluppo coerente, integrato e idoneo delle rinnovabili può comportare. Non è vero che i posti che si perdono sono maggiori di quelli che si acquisiscono, anzi è il contrario. Non bisogna proporre dati sbagliati all’opinione pubblica, questa storia non è suffragata da niente. Se dovessimo raggiungere gli obiettivi previsti per il 2030, 70/80 gigawatt di rinnovabili in più, potremmo avere oltre 100mila nuovi posti permanenti più quelli temporanei.

Perché ha accettato la candidatura?
C’è bisogno di arginare un pericolo, quello di proporre vecchie soluzioni. Occorre competenza e l’apporto della società civile. Per questo mi metto a disposizione, è un momento drammatico e se perdiamo altro tempo ci ritroveremo a leccarci le ferite. Faccio un appello ai Fridays for future, che stanno lamentando l’assenza del loro coinvolgimento. Sono pronto a contattarli da subito, facciamo tavoli tecnici per spiegarci, noi da un lato e loro dall’altro, per capire come andare avanti insieme.

Link articolo su Il Manifesto Edizione del 17 agosto 2022 – Leggi anche 70 GW di rinnovabili non si creano con la bacchetta magica. Si passi dalle parole ai fatti

Redazione

Articoli correlati