La Cina e il problema dell'acqua

inquinamento acqua cina china water pollution reportPossiamo dire che ci sia una crisi idrica in Cina? e un problema inquinamento e un problema di sopravvivenza che potrebbe portare a conflitti locali? In un'analisi della Banca Asiatica dello Sviluppo, che nel corso degli ultimi 50 anni ha seguito l'andamento delle risorse idriche, stima che sia diminuita del 60 % la disponibilità d'acqua pro capite in Cina con la possibilità di una ulteriore perdita del 10 % entro il 2025.

Tuttavia, il 45 % della produzione in Cina avviene delle province dove vi è scarsità d'acqua.

La maggior parte delle attività industriali e agricole della Cina è concentrata nel nord arido del paese.  Il settore del carbone succhia ben il 20 % di quello che è il consumo di acqua della Cina, mentre l'agricoltura prende un altro 62 %.

E attenzione, la maggior parte dell'acqua disponibile è inquinata. La commissione ha verificato che il 90 % delle acque sotterranee è contaminata da rifiuti di depurazione e  rifiuti industriali. Nel 2010 lo studio ha dichiarato che più della metà delle acque sotterranee testate in 183 città industriali può essere considerata imbevibile. Inoltre, anche i sistemi di trasporto dell'acqua sono così inefficienti che già uno studio del 2002 aveva rilevato che in 408 città la media del 21,5 % di acqua veniva persa per colpa di perdite o evaporazione.

Senza dimenticare che la Cina è anche fortemente dipendente dall'acqua per la produzione di energia elettrica. Ci sono in Cina 25.800 grandi dighe, molto più che in qualsiasi altro paese, anzi, esse costituiscono oggi il 50 % delle dighe esistenti in tutto il mondo. Queste forniscono il 17 % di energia elettrica prodotta nel Paese. Ma il sistema è vulnerabile. Dopo il terremoto del 2008 di Sichuan, 391 bacini idrici hanno riportato danni strutturali in un sol giorno. La mancanza di acqua ha anche causando la perdita di potenza in uscita,  nel 2011, le centrali idroelettriche in totale hanno visto solo il 20 %.

Poi c'è l'aspetto geopolitico dei fiumi della Cina. Il Tibet è la regione di origine di gran parte della rete idrica dell'Asia del Sud e del Sud-est asiatico. La Cina ha già avuto controversie a causa dell'acqua con l'India, Kazakistan, Corea del Nord, Russia e Vietnam. Alcuni analisti della commissione prevedono tensioni sulla questione delle risorse idriche in Asia che potrebbe portare addirittura ad un aperto conflitto, secondo un articolo del Pro EdgeWire.

Un vecchio post sull'argomento

Per concludere abbiamo un aggiornamento che riguarda un prestito della Banca Asiatica di Sviluppo (ADB) di 250 milioni di dollari (195 milioni di euro circa) per disinquinare il lago di Chaohu della Repubblica Popolare Cinese, quinto in ordine di grandezza, e sostenere la realizzazione di piani di eco-compensazione nel meccanismo di scambio nelle zone rurali per controllare le fonti di inquinamento delle acque.


FONTE | mondoelettrico.it

 

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS