Stazioni di ricarica per auto elettriche in tutta Europa

Con il via libera dell¹Assemblea di Strasburgo, l¹Unione Europea compie un passo avanti fondamentale per incentivare l¹uso di mezzi di trasporto a propulsione alternativa su tutto il suo territorio.


Tra qualche anno spostarsi con un veicolo elettrico, ibrido o a metano in uno qualsiasi dei Paesi che fanno parte dell¹UE sarà più semplice rispetto ad oggi, grazie alla creazione di una rete di ricarica costruita con un unico standard e dalla copertura capillare.

Il testo approvato dal Parlamento Europeo con 622 voti a favore, 29 contrari e 20 astensioni, prevede che entro il 2020 tutti i paesi dell¹Unione assicurino la libera circolazione dei veicoli a propulsione non convenzionale di ogni tipo, siano essi automobili, autocarri e perfino navi. Tra 6 anni, quindi, si potrà viaggiare all¹interno del territorio dei 28 Paesi membri potendo contare su una rete di rifornimento elettrica o a gas dalla copertura più estesa e uniforme rispetto a quanto avviene attualmente. I vantaggi per i cittadini europei saranno legati anche ai connettori per la ricarica, che dovranno rispettare uno standard unico per consentire l¹accesso ai rifornimenti a tutti i veicoli venduti in Europa indipendentemente dal paese di immatricolazione.

Il secondo passaggio si avrà poi nel 2025, quando l¹obbligo di fornire un¹adeguata rete di stazioni di ricarica sarà esteso anche alle autostrade di trasporto trans-europee TEN-T e vedrà protagonista anche l¹idrogeno , con i Paesi che decideranno di puntare su questa soluzione propulsiva chiamati ad assicurare una buona copertura in termini di stazioni di ricarica.

Articoli correlati