Chimica Verde

Inizia sul sito di Ecquologia una collaborazione con la nostra Associazione Naz. Chimica Verde Bionet sulle tematiche di nostra competenza, ovvero sull’infinito e incredibile mondo della Chimica Verde.

Link del sito ufficiale di Chimica Verde

E’ opportuno un chiarimento terminologico che abbiamo già descritto nel documento per il CREA PB e la Rete Rurale Nazionale  nel  Focus Chimica Verde – “Per una ortofrutticoltura sostenibile: le soluzioni della Chimica Verde”.

Con ‘Chimica Verde’, intendiamo il corpo di conoscenze e di tecniche per l’utilizzo di materie prime derivate da organismi viventi: vegetali, animali, funghi, alghe, batteri, lieviti e altri microrganismi. Ossia materie prime di origine biologica ‘a ciclo corto di carbonio’ (per distinguerle dalle materie prime biologiche di origine fossile, quali petrolio, carbone, gas naturale e così via). 

La chimica verde si distingue in tal modo dalla petrolchimica e in generale dalla chimica di sintesi per due aspetti: opera con processi e prodotti più sostenibili, grazie all’impiego di materie prime rinnovabili, facilmente biodegradabili e in genere a bassa tossicità per l’uomo e per l’ambiente. Inoltre dispone, potenzialmente, di un corredo di molecole enormemente più ricco e complesso di quello della petrolchimica, che richiede l’impiego di conoscenze, metodologie e processi altamente innovativi, derivati dalla genetica, dalla biologia molecolare e dalle scienze della vita in generale.

Ma c’è un terzo aspetto fondamentale implicito nella chimica verde, ed è la rottura col paradigma che ha dominato la chimica industriale del Novecento. In agricoltura come in altri campi, questa ragionava sostanzialmente in termini di processi lineari input-output. Questo suolo è carente di un nutriente? è infestato da un fungo patogeno? La chimica ti offre il mezzo tecnico specifico che apporta quel nutriente o che debella il fungo. Anche la Chimica Verde offre prodotti specifici, ma non si limita a proporre la sostituzione di un prodotto con un altro più sostenibile. Proprio per evitare l’eccessiva interferenza sugli ecosistemi che caratterizza i prodotti convenzionali, la Chimica Verde punta sulla combinazione di una pluralità di azioni, finalizzata innanzitutto a ‘prevenire’ più che a curare. Per cui, a fianco di prodotti specifici quali biopesticidi o biofumiganti, la Chimica Verde come la intendiamo noi, si muove anche sui binari delle successioni colturali, dei sovesci, del compostaggio, degli insetti antagonisti e così via.

 

 

Infatti sempre all’interno delle branche e delle tecnologie della Chimica Verde nascono molte altre filiere sostenibili, hanno sempre un’origine comune con l’agricoltura perché utilizzano come matrici ancora vegetali o animali, ma il prodotto finito riguarda altri settori che all’apparenza sono molto distanti: si parla allora di biocompositi e bioplastiche, di cosmesi e detergenza, di bioenergie e biocarburanti, di biolubrificanti, di coloranti naturali, di fibre ma anche di tutte quelle innovazioni che possono riguardare il mondo della filiera ittica e dei beni culturali. Innovazioni sostenibili, importanti per l’ambiente, per i territori dove vengono realizzate e utilizzate, per promuovere lo sviluppo e l’occupazione che partecipano alla grande strategia per limitare il dissesto climatico ambientale.

 

Dott.ssa Sofia Mannelli Presidente Chimica Verde Bionet

Prof. Beppe Croce Direttore Chimica Verde Bionet

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS