Cambiamenti climatici: una soluzione efficace è piantare alberi

Secondo i ricercatori un'area grande come la dimensione degli Stati Uniti è disponibile per piantare alberi in tutto il mondo e questo potrebbe avere un impatto importante sui cambiamenti climatici.

  #deforestazione #climatechange "DCambiamenti climatici: una soluzione efficace è piantare alberi" Click to Tweet

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Science e scaricabile in calce all'articolo, evidenzia come lo spazio disponibile per gli alberi è molto maggiore di quanto si pensasse in precedenza e ridurrebbe del 25% la CO2 nell'atmosfera.

Molti scienziati dicono che questa è la soluzione più efficace e disponibile per il cambiamento climatico in questo momento.

Ma altri ricercatori dicono che il nuovo studio è "troppo bello per essere vero".

  1. le dimensioni di un "campo da calcio" della foresta amazzonica viene perso ogni minuto;
  2. La perdita di alberi tropicali continua ad alti livelli;
  3. I cambiamenti climatici hanno reso l'aumento della temperatura cinque volte più probabile in tutto il pianeta.

L'abilità degli alberi di assorbire l'anidride carbonica li ha resi a lungo un'arma preziosa nella lotta contro l'aumento delle temperature.
Il gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha affermato che se il mondo volesse limitare l'aumento a 1,5 ° C entro il 2050, sarebbe necessario un ulteriore 1 miliardo di ettari di alberi.

Il problema è che è difficile ottenere stime accurate di quanti nuovi alberi il mondo possa sostenere.

Questo nuovo rapporto mira a mostrare non solo quanti nuovi alberi possono essere coltivati, ma dove potrebbero essere piantati e quanto impatto avranno sulle emissioni di carbonio.

Gli scienziati dell'ETH di Zurigo in Svizzera hanno utilizzato un metodo chiamato “foto interpretazione” per esaminare un set di dati globale di osservazioni su 78.000 foreste.

Fig. 3. Risk assessment of future changes in potential tree cover. (A) Illustration of expected losses in potential tree cover by 2050, under the
“business as usual” climate change scenario (RCP 8.5), from the average of three Earth system models commonly used in ecology (cesm1cam5,
cesm1bgc, and mohchadgem2es). (B) Quantitative numbers of potential gain and loss are illustrated by bins of 5° along a latitudinal gradient.

Fonte: studio “The global tree restoration potential”

Utilizzando il software di mappatura del motore di Google Earth sono stati in grado di sviluppare un modello predittivo per mappare il potenziale globale per la copertura degli alberi, scoprendo che escludendo gli alberi esistenti, i terreni agricoli e le aree urbane, il mondo potrebbe sostenere un extra di 0,9 miliardi di ettari di copertura vegetale.

Una volta che questi alberi sono stabilmente cresciuti, potrebbero abbattere circa 200 gigatonnellate di anidride carbonica, circa i due terzi del carbonio extra derivante dalle attività umane immesse nell'atmosfera dopo la rivoluzione industriale.

Questo è un quarto della quantità totale di CO2 nell'aria.

"Il nostro studio mostra chiaramente che il ripristino forestale è la migliore soluzione di cambiamento climatico disponibile oggi e fornisce prove concrete per giustificare gli investimenti", ha affermato il prof. Tom Crowther, autore senior dello studio, il quale continua affermando che "Se agiamo ora, questo potrebbe ridurre l'anidride carbonica nell'atmosfera fino al 25%, fino a livelli visti quasi un secolo fa".

I ricercatori identificano sei paesi in cui potrebbe verificarsi la maggior parte del ripristino delle foreste: Russia (151 milioni di ettari), Stati Uniti (103 milioni), Canada (78 milioni), Australia (58 milioni), Brasile (50 milioni) e Cina (40 milioni).

I dati ci dicono che la velocità di intervento è essenziale perché, mentre il mondo continua a scaldarsi, l'area potenziale per piantare alberi nei tropici verrebbe ridotta. "Occorreranno decenni perché le nuove foreste maturino e raggiungano questo potenziale", ha affermato il professor Crowther, secondo il qualeÈ di vitale importanza proteggere le foreste che esistono oggi, perseguire altre soluzioni climatiche e continuare a eliminare gradualmente i combustibili fossili dalle nostre economie".

Il nuovo studio è stato accolto con favore da Christiana Figueres, ex capo del clima delle Nazioni Unite, che è stata determinante nel determinare l'accordo sul clima di Parigi nel 2015l la quale afferma in una nota che "Finalmente una valutazione autorevole di quanta terra possiamo e dovremmo coprire con gli alberi senza interferire con la produzione di cibo o le aree di vita. Un progetto estremamente importante per i governi e il settore privato".

Cosa dicono i critici?

Tuttavia non tutti erano così convinti riguardo alle soluzioni prospettate nel nuovo studio.
Diversi ricercatori hanno espresso riserve, contestando l'idea che piantare alberi fosse la migliore soluzione climatica disponibile al mondo in questo momento.

Secondo il professor Myles Allen dal Università di Oxford  "Il ripristino degli alberi può essere" tra le strategie più efficaci ", ma è molto lontano dalla" migliore soluzione disponibile sul cambiamento climatico "e una lunga strada dietro la riduzione delle emissioni di combustibili fossili allo zero netto".


Altri sono critici sulle stime di carbonio che potrebbero essere immagazzinate se questi alberi fossero piantati, come il professor Simon Lewis dell'University College di Londra, secondo il quale "La stima che 900 milioni di ettari di nuovi impianti di alberi possono sottrarre all'atmosfera un'aggiunta di 205 miliardi di tonnellate di carbonio è troppo alta e non supportata da precedenti studi o modelli climatici".

Anche il professor Martin Lukac dell'Università di Reading sostiene che "Piantare alberi per assorbire due terzi del carico di carbonio antropogenico fino ad oggi sembra troppo bello per essere vero, probabilmente perché lo è".

"Finora, gli umani hanno aumentato la copertura forestale su vasta scala solo riducendo le dimensioni della popolazione (Russia), aumentando la produttività dell'agricoltura industriale (l'Occidente) o per ordine diretto di un governo autocratico (Cina). Nessuna di queste attività sembra lontanamente fattibile o sostenibile su scala globale. "

Scarica lo studio “The global tree restoration potential”, pubblicato sulla rivista Science 

Fonte “Diario dell’Orto Bioattivo” (Facebook) 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Video

Altri Video
Watch the video

Terra ed Ecologia

Altri Articoli

Energie Rinnovabili

Altri Articoli