Nel proporre questo articolo ci rendiamo conto di trattare il tema della sostenibilità e dello sforzo di ridurre e riutilizzare da un punto di vista molto particolare come quello del mistero della morte. In un ambito così particolare si colloca il centro di compostaggio umano "Recompose", che cerca di offrire una morte più sostenibile. ‎ 

   #recompose "Come non inquinare almeno da morti" Click to Tweet

‎[Immagine: Olson Kundig]

Cosa ci succede quando moriamo? È una delle domande più enigmatiche e profonde della vita. E, lasciatemi chiarire ora, non ho alcuna intuizione da offrire sull'aldilà. Ma i primi rendering del nuovo centro post-mortem ‎‎Ricomporre‎‎ (non chiamatelo una "casa funebre") rivelano un'altra opzione per l'aldilà dei nostri corpi qui sulla terra: il compostaggio.‎

‎La struttura di punta, che dovrebbe aprire a Seattle nella primavera 2021, è progettata per ricollegare i rituali di morte umana con la natura e per offrire un'alternativa più sostenibile alle opzioni di sepoltura convenzionali. Oggi, la sepoltura spesso comporta imbalsamazione carica di sostanze chimiche, mentre la cremazione consuma otto volte più energia, secondo gli architetti di Olson Kundig che hanno progettato la nuova struttura. Ricomporre offrirà un servizio "naturale riduzione organica" in loco, che "convertirà i resti umani in suolo in circa 30 giorni, contribuendo a nutrire nuova vita dopo la morte".‎

 

‎[Immagine: Olson Kundig]

La ricomposizione è emersa come idea nel 2016, il risultato di una residenza di Creative Exchange presso lo studio di progettazione globale con sede a Seattle che ha portato la fondatrice e CEO di Recompose Katrina Spade e il suo team in collaborazione con gli architetti per creare un prototipo di impianto.‎

‎Ma il passaggio di un nuovo disegno di legge "relativi ai resti umani" nello Stato di Washington ha rapidamente fatto il loro prototipo nel regno del possibile. Dopo che il governatore Jay Inslee firmò ‎‎SB-5001‎‎ lo scorso maggio, Washington divenne il primo stato a riconoscere la "riduzione organica naturale" come alternativa alla cremazione o alla sepoltura. La legge entrerà in vigore il 1 maggio 2020, secondo ‎‎il‎‎ Seattle Times‎‎.‎

‎[Immagine: Olson Kundig]‎

‎Con il design di Recompose, gli architetti di Olson Kundig hanno portato un significato completamente nuovo al termine "letto di morte". Il loro design per la struttura si concentra su alcuni aspetti chiave dell'esperienza, a partire dai singoli "vasi" dove avviene la riduzione organica. Nella tipica pratica funeraria, potrebbero essere indicati come bare; i resti di una persona sono collocati nella nave e coperti con trucioli di legno. Lì, i resti sono aerati per creare un ambiente adatto per i batteri termofili, secondo ‎‎ ‎‎Dezeen‎‎. Che i batteri poi abbattere i resti in terreno utilizzabile.‎

‎Quali sono i vantaggi di questo processo che avviene in una struttura controllata come Recompose, al contrario di un cimitero? "Convertendo i resti umani in suolo, riduciamo al minimo i rifiuti, evitiamo di inquinare le acque sotterranee con fluido imbalsamazione e impediamo le emissioni di CO2 dalla cremazione e dalla produzione di scrigni, lapidi e fodere per tombe", spiega l'azienda sul suo sito web. Inoltre, spiega, "Permettendo ai processi organici di trasformare il nostro corpo e quelli dei nostri cari in un utile emendamento al suolo, contribuiamo a rafforzare il nostro rapporto con i cicli naturali, arricchendo la terra".‎

‎[Immagine: Olson Kundig]‎

Settantacinque di questi singoli spazi saranno costruiti come parte del primo progetto Recompose. Sono disposti a circondare un grande e arioso spazio di raccolta al centro della struttura di 18.500 piedi quadrati. Questo spazio sarà utilizzato per i servizi, e legge più centro sanitario New-Age di macabro funerale: È luminoso e pieno di luce, punteggiato da alberi, e canopied da alti soffitti in legno naturale.‎

‎"Questa struttura ospita i vasi di ricomposizione, ma è anche uno spazio importante per il rituale e il raduno pubblico", dice Alan Maskin, preside e proprietario di Olson Kunig. "Il progetto in definitiva favorirà un'esperienza più diretta e partecipativa e un dialogo intorno alla morte e alla celebrazione della vita".‎

‎[Immagine: Olson Kundig]‎

‎Anche se Recompose sostiene di essere la prima struttura ad offrire servizi di riduzione organica, Recompose non è il solo nel tentativo di porre fine alla pratica di mantenere la morte e i suoi rituali post-cura associati a portata di mano, un movimento che è venuto per essere conosciuto come "positività della morte ."‎

‎Caitlin Doughty è una di queste persone che lavorano in questo spazio. È la proprietaria di ‎‎Undertaking LA‎‎e considera la sua attività un "servizio funebre alternativo" che avvicina le persone all'esperienza della morte "rimettendo la persona morente e la loro famiglia in controllo del processo di morte, della morte stessa e della successiva cura del cadavere", ad esempio aiutando le persone a prendersi cura del cadavere di una persona cara a casa. Secondo ‎‎il‎‎ New Yorker,‎‎Undertaking LA offre alternative più sostenibili alla pratica tipica, tra cui scappamenti biodegradabili. Doughty è anche il fondatore ‎‎dell'Ordine della Buona Morte,‎‎"un gruppo di professionisti dell'industria funebre, accademici e artisti che esplorano modi per preparare una cultura della morte-fobica alla loro inevitabile mortalità".‎

‎Si siede anche nel consiglio di Amministrazione di Recompose e, come mi ha detto Tara Chavez-Perez, una pubblicista dell'Ordine della Buona Morte, "Caitlin è una tifosa entusiasta e accanita".‎

‎Nuove aziende di sepoltura alternative (come la startup ‎‎Better Place Forests‎‎, che vende il diritto di spargere le ceneri sotto una sequoia) stanno cercando di riportare la natura nell'industria funebre commerciale. Ricomporre, nel frattempo, sta cercando di utilizzare la natura come quadro per una morte migliore. "Ci siamo chiesti come potremmo usare la natura, che ha perfezionato il ciclo di vita/morte, come modello per la cura della morte umana", afferma Spade in una dichiarazione. "Abbiamo visto l'opportunità di questo momento profondo per restituire alla terra e riconnetterci con questi cicli naturali".‎

‎Con Recompose, Olson Kunig ha progettato un'alternativa apparentemente più sostenibile alla sepoltura o alla cremazione, e forse un piccolo modo per lasciare il mondo meglio di quanto tu l'abbia trovato.‎

A seguire un breve video che ci accompagna nella filosofia alla base dei "Recompose"

 

 

https://www.recompose.life/

Link articolo originale

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Blog post