RAEE: buoni risultati per l'Italia

raeePer l’Italia il 2010 è stato l’anno della svolta: dopo tre anni dall’entrata in vigore del sistema di ritiro e trattamento dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), il nostro paese ha, infatti, raggiunto la soglia europea dei 4 chilogrammi per abitante.

Un risultato importante, ma pur sempre inferiore alla media europea di 6 kg pro capite ed agli oltre 15 kg di Svezia e Norvegia.

Secondo il terzo rapporto del Centro di coordinamento RAEE, nel 2010 la raccolta è aumentata in Italia del 27% rispetto all’anno precedente; restano, però, molto marcate le differenze tra le diverse zone d’Italia: la regione più virtuosa è l’Umbria, che raggiunge quota 7,16 kg, ma, in generale, è al Nord che il sistema di raccolta funziona meglio. Il Trentino Alto Adige è al secondo posto con una media pro-capite di 6,92 kg per abitante.

La Lombardia raccoglie più RAEE in termini assoluti, con 47.101.503 kg,

Nel Centro Italia restano ancora delle difficoltà, con una media che si ferma a 3,71 kg/ab. Ancora in forte ritardo le regioni del Sud che, sebbene registrino un forte incremento medio nella raccolta (+45%), restano ancora molto al di sotto della media nazionale (2,53 kg/ab.). Due eccezioni sono la Sardegna, che ha una raccolta pro-capite del 5,76 kg/ab., e la Sicilia, che, in un solo anno, ha quasi triplicato le quantità raccolte.

"Su questa crescita – ha spiegato il direttore generale del Centro di coordinamento RAEE Fabrizio Longoni – ha influito molto l’acquisto di nuovi televisori in seguito al passaggio al digitale terrestre: ne sono stati raccolti il 40% in più rispetto al 2009. Ma rimane ancora scarsa la raccolta di lampadine a basse consumo e a neon".

Clicca qui per scaricare il Terzo Rapporto Annuale sul sistema di ritiro dei RAEE in Italia.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Video

Altri Video
Watch the video

Terra ed Ecologia

Altri Articoli

Energie Rinnovabili

Altri Articoli