Green Public Procurement: significativo protocollo d’intesa in Veneto

Uno degli strumenti fondamentali per la pubblica amministrazione per portare avanti le tantissime azioni necessarie di efficientemento energetico e, più in generale, di economia circolare connesse con il recepimento della Direttiva 2012/27/UE del Green Public Procurement (GPP), legate ad incentivare gli acquisti verdi,  ha visto in questi giorni un significativo passaggio nella regione Veneto.

               #gpp #acquistiverdi "Green Public Procurement: significativo protocollo d’intesa in Veneto" Click to Tweet

E’ stato infatti sottoscritto nelle scorse settimane un protocollo d’intesa sul Green Public Procurement (GPP), tra il  Presidente della Regione del Veneto, l’Università degli Studi di Padova, l’Università Ca’ Foscari di Venezia, l’Università degli Studi di Verona, l’Università IUAV di Venezia, Unioncamere Veneto e ARPAV.

Si tratta di un accordo che impegna per cinque anni la Regione del Veneto e i suoi partner a dare concreta realizzazione ai principi di ‘Economia Circolare’ con un approccio integrato diverso, cambiando decisamente marcia, avendo coinvolto allo stesso tavolo tutti gli attori che possono incidere sul cambiamento e cioè:

  • le stazioni appaltanti che creano la domanda;
  • le imprese che determinano l’offerta;
  • le Università che si occupano di ricerca e innovazione sostenibile.

L’Agenzia Regionale (ARPAV), attraverso il suo Osservatorio Rifiuti, effettuerà il monitoraggio su quanti materiali possono essere reintrodotti come risorsa nel ciclo produttivo, potendo così anche quantizzare l’indice di cambiamento sostenibile del territorio di riferimento regionale.

Un Protocollo quello appena sottoscritto in veneto che non si limita a perseguire l’obbiettivo della valorizzazione e della promozione degli acquisti pubblici nella logica del GPP ma impegna anche le istituzioni nella predisposizione di un documento che annualmente faccia una sintesi delle risultanze condotte nel corso del periodo di riferimento.

Il documento appena sottoscritto, potrà essere utilizzato da ogni amministrazione per le proprie attività istituzionali con la Regione del Veneto che intende utilizzarlo a livello di tavoli nazionali e nell’ambito della cabina di regia insediata presso il Ministero dell’Ambiente, dove è rappresentata con propri tecnici, dove vengono valutate le modifiche da apportare ai decreti ministeriali che disciplinano la materia degli acquisti verdi (i cosiddetti CAM).

Si tratta di una iniziativa che si inquadra nel contesto previsto dal Protocollo sottoscritto nel 2017 tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e la Conferenza delle Regioni e Province autonome, finalizzato proprio alla diffusione ed implementazione degli Appalti Verdi Pubblici.

Già definito anche il programma di lavoro del primo anno di lavoro per le amministrazioni firmatarie del protocollo, con specifici impegni sulla tematiche dei rifiuti che vedrà l’evento di apertura programmato a Venezia il prossimo 11 giugno 2019, presso il Palazzo della Regione, nell’ambito della “III edizione del Forum Compra Verde – Veneto”, che vedrà una intera giornata dedicata alla nuova strategia sul GPP che la Regione si è data con il Protocollo d’intesa e ad approfondire le tematiche legate alla gestione dei rifiuti urbani.

Sauro Secci

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Video

Altri Video
Watch the video

Terra ed Ecologia

Altri Articoli

Energie Rinnovabili

Altri Articoli