Ecobonus per quadricicli elettrici: novità con il DL Crescita

Con la recente emanazione del DL Crescita, importanti novità in tema di ecoincentivi per moto e scooter elettrici. Si tratta di modifiche all'ecobonus confermate dall'approvazione del DL Crescita, che prevedono un'estensione delle agevolazioni per l’acquisto dei veicoli elettrici anche per le moto con potenze superiori agli 11 kW e a tricicli e quadricicli. Sarà inoltre possibile rottamare anche le moto Euro 3. Confermati anche gli importi degli incentivi, al 30% del prezzo di listino con un limite di 3.000 euro.

   #ecobonusmobilita #dlcrescita "Ecobonus per moto e scooter elettrici: novità con il DL Crescita" Click to Tweet   

Si tratta di un'importante integrazione visto il peso della mobilità su due ruote nel contesto del traffico urbano, per le sue doti di maggiore flessibilità e scorrevolezza. Con l'approvazione da parte delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, prende vita l’emendamento al Decreto Crescita che apporta modifiche alle norme relative agli ecobonus per i mezzi a due ruote. Le nuove regole, che confermano le anticipazioni emerse nel mese di maggio, ampliano gli incentivi per l’acquisto di modelli elettrici o ibridi anche alle moto con potenze superiori agli 11 kW. Rientreranno poi nelle agevolazioni anche gli altri veicoli della categoria “Le”, come tricicli e quadricicli a batterie. A permanere sarà poi il vincolo della rottamazione, anche se in una nuova formulazione, decisamente più permissiva rispetto alle formule precedenti. Saranno infatti ammessi ai nuovi benefici, non sono solo i veicoli con omologazione Euro 0, 1 e 2, ma pure i più recenti Euro 3, purché di proprietà da almeno 12 mesi. Inoltre non c'è più l’obbligo di rottamare un mezzo appartenente alla stessa categoria di quella acquistata.

In sostanza sarà possibile "dare indietro" un ciclomotore per comprare una sportiva o un quadriciclo. Rimane invece immutato l’aspetto finanziario con un supporto all’acquisto fino al 30% del prezzo di listino (IVA esclusa) con un limite massimo fissato a 3.000 euro. A rimanere inalterate sono pure la durata del nuovo provvedimento, che varrà sia per le compravendite e le locazioni finanziarie effettuate entro il 31 dicembre 2019) con un budget a disposizione di 10 milioni di euro e la parte burocratica ancora tutta a carico del rivenditore.

 

La Redazione di Ecquologia 

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS