Una commissione speciale VIA per le FER: un significativo passo dopo il convegno Giga-FREE sulla bellezza delle rinnovabili

Una prima grande risposta alla grande iniziativa di Ecofuturo e Giga-FREE di un anno fa (con il convegno sulla bellezza delle rinnovabili – link articolo – ed alle ripetute iniziative del Coordinamento Nazionale FREE sul tema della semplificazione degli iter) arriva con una serie di misure urgenti a livello governativo che il Ministero della Pubblica amministrazione sta elaborando di concerto con i Ministeri dello Sviluppo economico e dell’Ambiente. Ce ne da conto questo articolo de La Staffettaonline.com.

Fer, in arrivo una Commissione Via speciale dedicata a rinnovabili, repowering e colonnine elettriche: è l’ipotesi per un possibile decreto Semplificazioni. Il documento presentato dalla ministra Dadone al tavolo a Palazzo Chigi: target Pniec impossibili con attuali tempi degli iter.

Commissione Via speciale per le Fer, semplificazioni per il repowering e liberalizzazione delle colonnine: sono queste le “misure urgenti” che il ministero della Pubblica amministrazione sta elaborando con il ministero dello Sviluppo economico e dell’Ambiente per un possibile decreto Semplificazioni, in attesa di un’Agenda complessiva più ampia che dovrebbe approdare in Consiglio dei ministri il prossimo aprile.

Venerdì si è svolto a Palazzo Chigi il tavolo sulla semplificazione normativa e burocratica e la riforma fiscale, il terzo incontro (dopo quelli su riforma fiscale e crescita e sviluppo sostenibile) per definire la “Agenda 2023”, cioè il programma che dovrebbe portare il Governo Conte 2 alla naturale scadenza della legislatura, appunto nel 2023.

All’incontro, presieduto dal premier Giuseppe Conte, hanno partecipato per il governo il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, la ministra della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone e il sottosegretario del ministero della Giustizia Vittorio Ferraresi; per il Pd Marianna Madia e Luciano D’Alfonso; per Iv Luigi Marattin e Mauro Marino; per il M5S Laura Castelli, Davide Crippa e Vincenzo Garruti; per Leu Vasco Errani, Maria Cecilia Guerra e Luca Pastorino.

La ministra per la Pubblica amministrazione ha presentato un documento con tutti gli interventi ritenuti necessari. In premessa viene citato il Piano energia e clima: “Un esempio per tutti è rappresentato dal Piano per l’energia e il clima: il raggiungimento degli obiettivi previsti per il 2030 (raddoppiare la capacità installata dell’eolico e triplicare quella del fotovoltaico) è impensabile con i tempi attuali di conclusione delle procedure”.

Per questo, si legge più avanti, vanno accelerate le procedure in materia di energia e, più in generale, in materia ambientale: “Su questi temi è già stato istruito un primo pacchetto di proposte con il ministero dello Sviluppo economico e il ministero dell’Ambiente, che include sia alcune prime misure urgenti tra cui la Commissione Via speciale per le rinnovabili al fine di ridurre i tempi, la liberalizzazione della realizzazione di punti e stazioni di ricarica di veicoli elettrici, la semplificazione delle procedure per favorire l’utilizzo di tecnologie più avanzate negli impianti di rinnovabili esistenti e quella delle bonifiche per tutelare più efficacemente il diritto alla salute e favorire la reindustrializzazione”.

Queste le “azioni rapide” che, fanno sapere alla Staffetta, potrebbero finire in un decreto Semplificazioni nel giro di poche settimane, ma lo strumento non è ancora stato definito. Subito dopo si aggiungeranno altre misure da inserire in un’Agenda “frutto di ampie consultazioni e condivisa con le Regioni e l’Anci per individuare tutti gli strumenti normativi, amministrativi, organizzativi e tecnologici” si legge nel documento. L’Agenda nelle intenzioni dell’esecutivo dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri il prossimo aprile e tra le proposte figura già l’ipotesi di Linee guida per la omogeneizzazione delle procedure tra Stato e Regioni. Ma il cantiere è ancora aperto: “Si tratta di prime proposte che possono essere arricchite sulla base delle indicazioni della maggioranza”.

Link articolo originale Staffettaonline.com

Articoli correlati

1 Comment

Comments are closed.