Diagnosi energetica in edifici pubblici: ecco il nuovo manuale di ENEA

L’incremento dell’efficienza energetica degli edifici vede in quelli pubblici un ambito di intervento davvero significativo, stante anche lo stato in cui versano.

 

Per questo ENEA, forte delle sue esperienze già realizzate, ha messo a punto un nuovo manuale, finalizzato proprio a "facilitare la conduzione delle diagnosi energetiche e garantire l’omogeneità di esecuzione delle stesse, al fine di organizzare i risultati ottenuti in banche dati utili per eventuali confronti tra i fabbisogni energetici degli edifici esistenti e quelli di riferimento per la stessa destinazione d’uso".

 

Nel manuale vengono definiti preliminarmente i requisiti del soggetto referente della diagnosi energetica, cioè di colui che, disponendo di specifiche competenze, partecipa alla diagnosi energetica stessa ed è referente del soggetto, sia esso persona fisica o giuridica, responsabile della diagnosi, oltre a definire le caratteristiche fondamentali di una diagnosi.

Nel manuale vengono descritte per singoli punti, le diversi fasi della procedura, così articolate:

  • costruzione dell’inventario energetico;
  • calcolo degli indicatori di prestazione energetica;
  • individuazione degli interventi di miglioramento della prestazione energetica;
  • implementazione delle simulazioni del comportamento del sistema edificio-impianto;
  • analisi costi-benefici degli interventi.

A completare il nuovo manuale di ENEA anche due schede per il rilievo rispettivamente per edifici scolastici e per uffici e un modello per la redazione del Report di diagnosi energetica.

 

Sauro Secci

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS