Tutti pazzi per le biosporte. Gli italiani le conoscono e le vogliono. Lo dice una ricerca

no buste plasticaE-Gazette, 26/07/11 - Tutti pazzi per le biosporte. Gli italiani le conoscono e le vogliono. Lo dice una ricerca

Gli italiani sanno che non sono più in commercio i classici sacchetti di plastica e la maggioranza di essi approva questo provvedimento a tutela dell’ambiente.

Lo rivela un'indagine promossa da Assobioplastiche e condotta da ISPO, secondo cui la quasi totalità degli italiani (il 93%) è consapevole che dal 2011 è vietato mettere in vendita le sporte di plastica.

 

L’indagine evidenzia che l'atteggiamento degli intervistati nei confronti della normativa è positivo: circa sei su dieci, infatti, esprimono il loro consenso in modo convinto. Oltre il 90% riconosce l'impegno nei confronti dell'ambiente, valutato come ''grande e doveroso'' e sufficiente a giustificare un'imposizione di legge. La soluzione più amata dagli italiani per fare la spesa rimane comunque la sporta portata da casa, scelta dal 75% del campione. Buon risultato anche per i sacchetti biodegradabili, usati dal 54% degli intervistati, mentre l'uso abituale dei sacchetti di carta (preferito dagli anziani) è marginale. Circa otto italiani su dieci, inoltre, pensano che i sacchetti alla cassa del supermercato non si dovrebbero pagare, a prescindere dal fatto che si tratti di quelli tradizionali o biodegradabili, ma quasi la metà dichiara di essere disposto a spendere anche un po' di più per l'acquisto di sacchetti biodegradabili piuttosto che di plastica, se giustificato da motivazioni di minore impatto ambientale. La stragrande maggioranza (l'83%) è però d'accordo sul “no” al ritorno ai vecchi sacchetti.

“I risultati della ricerca - afferma il presidente di Assobioplastiche Marco Versari - sono la conferma che i cittadini italiani condividono pienamente il provvedimento adottato dal Parlamento”.

Secondo Ermete Realacci e Francesco Ferrante, esponenti del Partito Democratico, “i risultati del sondaggio Ipso sull’entrata in vigore della legge che vieta l’uso delle buste di plastica sono molto soddisfacenti e ci confermano che spesso i cittadini italiani sono più avanti della politica per quanto riguarda le scelte a favore dell’ambiente e che comportano cambiamenti di stili di vita”. “Lo stop alle buste di plastica tradizionale - concludono - è un esempio vincente di green economy italiana, una strada positiva per la riconversione dell’industria chimica, un fronte, quello della bioplastica, che vede il nostro paese all’avanguardia nel mondo”.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS