Nucleare, nessun aumento di radioattività in Italia

radioattivoTeleborsa, 03/05/11 - Nucleare, nessun aumento di radioattività in Italia

Nessun valore anomalo di radioattività nel nostro paese. Lo confermano i monitoraggi effettuati dall'Ispesl/Inail, che non hanno evidenziato alcuna conseguenza legata alla tragedia nucleare del Giappone.

In data 4 aprile 2011 - rende noto il Codacons - grazie alla sensibilità dell'ente, è stata eseguita una prima misura di radioattività ambientale presso il Centro Ricerche di Monteporzio Catone, sul prato antistante la biblioteca. La misura effettuata ha fatto rilevare solo radioattività naturale con un rateo di dose (misura istantanea) di 0,3. Tale valore è del tutto in linea con la radioattività naturale presente nella provincia di Roma, dove in talune zone la radioattività naturale può raggiungere valori superiori di un ordine di grandezza.

Un ulteriore accertamento è stato effettuato misurando i livelli radioattivi dal 4 al 28 aprile 2011; il dosimetro ha fatto registrare la dose di 160 che, rapportata al periodo di esposizione, fornisce un rateo di dose di 0,278, conforme alla misura effettuata con il radiometro il 4 aprile.

Altri dosimetri sono stati posti, per confronto, in altre zone di Roma (due a Roma Nord, due a Roma Sud, e uno a Fiano Romano) e a Firenze, e le misure non hanno evidenziato, nel periodo preso in esame, alcuna influenza dell'incidente nucleare occorso a Fukushima, e i valori rilevati appaiono nella norma.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS