Il Biologico per tutti nasce dall'agricoltura bioenergetica

400 presenze in sala , alcune migliaia in streaming e in diretta facebook hanno assistito ad un evento di valore internazionale che ha suffragato con ricerche internazionali di centri di ricerca francesi, inglesi, statunitensi, argentini ed italiani le affermazioni di principio e le realizzazioni impiantistiche del Biogasfattobene.

 
Il Biogasfattobene rappresenta infatti la svolta possibile per il rilancio della salubrità delle coltivazioni anche delle grandi pianure europee, grazie al digestato consente di fare a meno dei concimi chimici, con la doppia coltivazione e la semina su sodo stocca la CO2 nel suolo stesso e ne aumenta di continuo la sostanza organica e la fertilità. Il paesaggio e la qualità della vita rinascono anche in pianura riaprendo un circolo virtuoso dopo la fase della, disastrosa per l'ambiente e per il suolo, agricoltura industriale chimica.
 
Si aprono prospettive occupazionali fino a ieri impensate che possono riportare il settore agricolo a livelli doppi rispetto a quello attuale (3,8% oggi  il totale di  occupati in Italia in agricoltura), e si apre la possibilità del ritorno dei giovani perché sentono che la semina ritorna ad essere quella rappresentazione biblica della speranza che da sempre ci aveva accompagnato fino ai tempi del Glifosato e degli OGM.
 
Il ritorno dei giovani all'agricoltura è già un fenomeno analizzato come tendenza grazie all'esplosione del biologico arrivato in Italia ad 1,8 milioni di ettari coltivati ma che con l'agricoltura bioenergetica ecotecnologica alleata e non nemica di piante e lombrichi può divenire un enorme controesodo dalle città alle campagne.
 
Il punto sulla prima giornata nel contributo video di Sergio Ferraris
 
 
e le interviste di Sergio Ferraris con alcuni dei protagonisti della prima giornata di Biogasitaly 2018
 
 
Fabio Roggiolani
BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS