Vehicle to Home (V2H) - l’auto elettrica come vettore di energia nella “smart grid urbana”: un nuovo progetto di Fondazione Fenice

Il grande contenitore di tematiche legato alle nuove smart grid urbane vede legati a doppio filo temi fondamentali come il nuovo modello energetico distribuito, basato sulle energie rinnovabili, l'autoproduzione energetica, con il fotovoltaico sugli scudi e l'avanzare della mobilità elettrica e della integrazione delle modalità di ricarica dei nuovi veicoli elettrici. Attraverso queste tematiche è stato sviluppato un nuovo interessante progetto, portato avanti da Fondazione Fenice, partner consolidato di Ecofuturo Festival, in partenariato con altri soggetti veneti: " Vehicle to Home (V2H) - l’auto elettrica come vettore di energia nella “smart grid urbana” che ha portato alla realizzazione di un'innovativa abitazione costruita proprio all'interno del Fenice Green Energy Park.

        #v2h #fondazionefenice "Vehicle to Home (V2H) - l’auto elettrica come vettore di energia nella “smart grid urbana”" Click to Tweet  

Si tratta di un progetto finanziato dalla Regione del Veneto nell'ambito del POR FESR 2014-2020, Bando per il sostegno a progetti sviluppati da aggregazioni di imprese, Asse 1 “Ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione" e Asse 3 “competitività dei sistemi produttivi".  

Il progetto Vehicle to Home (V2H) prevede la realizzazione di un prototipo diSmart Grid Urbana” capace di collegare in maniera innovativa un’auto elettrica, anche trasformata con retrofit elettrico, con una colonnina di ricarica allacciata ad un edificio civile. Il progetto si inserisce nella specializzazione intelligente Sustainable Living, in quanto riguarda la mobilità sostenibile nei luoghi di vita (casa e uffici), con l’innovazione assoluta legata alla capacità di cedere e assorbire l’energia in entrambe le direzioni (Home-Auto/ Auto-Home).

Cuore dello sviluppo sperimentale è realizzare un’innovazione legata alla componentistica meccanica nel campo della mobilità elettrica, stimolando un sistema avanzato di produzione nel settore del “fast charge bidirezionalefra edifici e auto elettriche in grado di incidere nel driver dell’innovazione dell’efficienza energetica.

La sommatoria di questi elementi porta ad una traiettoria di sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative hardware e firmware di sistemi integrati di smart city improntati su un concetto di circular economy.

La qualità risiede nella necessità di collegare auto con retrofit elettrico ai luoghi di vita attraverso una colonnina di ricarica, inserendo un elemento innovativo assoluto costituito da un firmware in grado di far dialogare l’hardware e il software in maniera bidirezionale. L’applicazione descritta, prendendo spunto dall’innovazione degli inverter bidirezionali creati per il fotovoltaico, permetterà di sviluppare un prototipo di smart city in cui l’auto diventa un vettore non solo in grado di ricaricarsi ma anche di cedere l’energia nei contesti di vita urbana. Questa rivoluzione permetterà di inserire l’auto come elemento delle smart grid (reti intelligenti) in quanto non concepita più come mero mezzo di trasporto, ma anche come accumulatore di energia disponibile per gli usi domestici o diffusi sul territorio (ricaricare una carrozzina elettrica, un defibrillatore oppure accumulare energia in caso di emergenza).

L’intero sistema Vehicle to Home verrà monitorato e gestito attraverso una APP (V2HApp) che registrerà i flussi di consumo e assorbimento nel prototipo sperimentale, quest’ultimo realizzato presso il Green Energy Park di Padova. La funzionalità della APP non permetterà solamente di monitorare i consumi ma sarà il vero e proprio “telecomando” con cui il cittadino potrà collegare e scollegare a suo piacimento il veicolo nelle diverse situazioni di assorbimento e cessione dell’energia.

Per poter raggiungere tale obiettivo il progetto si avvale di diversi portatori di conoscenza quali:

  • Driwe Srl (esperto di energie solari, retrofit e mobilità elettrica);
  • Officina Sanguin (primo trasformatore veneto di auto elettriche);
  • Novamind (creazione della V2HApp);
  • Dipartimento ICEA dell’Università di Padova;
  • Fondazione Fenice;
  • DataVeneta computers (monitoraggio dati);
  • Effedue (isolamento termico e tecniche costruttive di bioedilizia).

 

A questo link è disponibile il video con il commento del Direttore Tecnico di Fenice Green Energy Park, Andrea Grigoletto che ci accompagna in questo suggestivo progetto attraverso la realizzazione della nuova abitazione ad alta efficienza, proprio  all'interno del Parco.

Scarica il documento di presentazione del progetto Vehicle to Home (V2H) - l’auto elettrica come vettore di energia nella “smart grid urbana

 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS