COP26: Rinviata la conferenza mondiale sul clima - tutte le dichiarazioni

Come già anticipato ieri 1° aprile, durante la nostra conversazione con il ministro Sergio Costa, la conferenza COP26 delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si doveva tenere a novembre, è stata rinviata a causa di COVID-19.

Questa decisione è stata presa dall'Ufficio COP dell'UNFCCC (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), assieme al Regno Unito e ai partner italiani.

Le nuove date per il 2021, sempre con sede a Glasgow e in collaborazione con l'Italia, saranno stabilite a tempo debito, a seguito di ulteriori aggiornamenti tra le parti.

Alla luce della pandemia in corso in tutto il mondo di COVID-19, non è più possibile, infatti, tenere una COP26 ambiziosa e inclusiva a novembre 2020.

La riprogrammazione garantirà, viene affermato ufficialmente, che tutte le parti possano concentrarsi sulle questioni da discutere in una conferenza vitale, con più tempo per i preparativi necessari. Si continuerà comunque a lavorare con tutti i soggetti coinvolti per aumentare l'ambizione climatica, costruire la resilienza e ridurre le emissioni.

Il Presidente designato della COP26 Alok Sharma ha dichiarato:

“Il mondo sta attualmente affrontando una sfida globale senza precedenti e i paesi stanno giustamente concentrando i loro sforzi sul salvataggio di vite e sulla lotta contro COVID-19. Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di riprogrammare COP26”.

"Continueremo a lavorare instancabilmente con i nostri partner per realizzare l'ambizione necessaria per affrontare la crisi climatica e non vedo l'ora di concordare una nuova data per la conferenza".

Patricia Espinosa, segretario esecutivo delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici, ha dichiarato:

“COVID-19 è oggi la minaccia più urgente per l'umanità, ma non possiamo dimenticare che il cambiamento climatico è la più grande minaccia per l'umanità a lungo termine.

“Presto le economie si riavvieranno. Questa è un'opportunità per le nazioni di riprendersi al meglio, di includere i più vulnerabili in quei piani e un'opportunità per modellare l'economia del 21 ° secolo in modi che siano puliti, verdi, sani, giusti, sicuri e più resistenti.

"Nel frattempo, continuiamo a sostenere e sollecitare le nazioni a rafforzare significativamente le ambizioni climatiche in linea con l'accordo di Parigi".

Il ministro italiano dell'Ambiente, della protezione della terra e del mare, Sergio Costa, ha dichiarato:

"Mentre abbiamo deciso di posticipare la COP26, compresi gli eventi pre-COP e "Gioventù per il clima", restiamo pienamente impegnati a far fronte alla sfida del cambiamento climatico”.

“La lotta ai cambiamenti climatici richiede un'azione forte, globale e ambiziosa. La partecipazione delle giovani generazioni è fondamentale e siamo determinati a ospitare l'evento "Youth for the Climate", insieme agli eventi pre-COP e di sensibilizzazione.

"Continueremo a lavorare con i nostri partner britannici per offrire una COP26 di successo."

Il presidente della COP25, il ministro Carolina Schmidt, ha dichiarato:

“La decisione dell'Ufficio di presidenza sul rinvio della COP26 è purtroppo una misura necessaria per proteggere tutti i delegati e gli osservatori.

"La nostra determinazione è quella di garantire che lo slancio per le ambizioni climatiche continuerà, in particolare per la preparazione e la presentazione di nuovi NDC quest'anno".

Il commento della redazione di QualEnergia

Ricordiamo che la CoP25 di Madrid, lo scorso dicembre, si era chiusa con un sostanziale fallimento, perché i governi di tutto il mondo non erano riusciti a concordare misure più severe per ridurre le emissioni inquinanti, tra cui un mercato internazionale del carbonio e un incremento del sostegno finanziario alle economie più povere, in modo da aiutarle a investire in tutela ambientale ed energie pulite.

Ecco perché l’appuntamento di Glasgow sarebbe stato di cruciale importanza: in Gran Bretagna i paesi avrebbero dovuto presentare piani più ambiziosi per tagliare le emissioni e dare così piena attuazione all’accordo di Parigi del 2015.

Così il timore è che rinviare i colloqui sul clima e concentrare tutte le risorse economiche sull’emergenza coronavirus potrebbe allentare l’impegno globale a risolvere l’emergenza climatica: un errore da non commettere, come ha raccomandato l’Agenzia internazionale dell’energia nei giorni scorsi, affermando che i piani nazionali di ripresa economica dovranno includere più investimenti nelle fonti rinnovabili e nella protezione ambientale.

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS