L’agricoltura e la riscoperta dell’irrigazione a energie rinnovabili

Per me che per anni per lavoro ho attraversato le campagne della Maremma, terra alla perenne ricerca di soddisfare il proprio fabbisogno idrico e costellata per questo dal simbolo dell'antropizzazione di quella terra come le mitiche pompe eoliche multipala della Vivarelli (vedi foto di testata), fa un certo effetto leggere il nuovo rapporto pubblicato dalla FAO che delinea i benefici delle pompe solari per le aziende agricole di tutte le dimensioni nel mondo.

    #irrigazionesolare "L’agricoltura e la riscoperta dell’irrigazione a energie rinnovabili" Click to Tweet  

Secondo il nuovo studio FAO dal titolo “The Benefits and Risks of Solar Powered Irrigation – a global overview” puntare sui sistemi di irrigazione a energia rinnovabile di matrice solare, è cosa importante non solo per l’agricoltura dei paesi in via di sviluppo ma anche per quelli industrializzati come la California. Nello studio sono presentati i vantaggi legati alla adozione di tecnologie basate su pompe ad energia solare per l’irrigazione che può portare ad una riduzione delle emissioni di gas serra per unità di energia utilizzata per il pompaggio dell’acqua di oltre il 95% rispetto alle alternative tradizionalmente alimentate per esempio da energia elettrica prodotta con combustibili fossili.

La domanda di irrigazione legata alle esigenze di produzione alimentare che soddisfi la popolazione mondiale è in continuo aumento, contestualmente alla diminuzione delle scorte di acqua dolce che il pianeta deve affrontare ed agli alti costi elevati dell’elettricità o alla mancanza stessa di sistemi elettrici adeguati in contesti rurali. Proprio per questa serie di motivazioni anche congiunturali, l’utilizzo dell’energia solare per l’irrigazione  dell’acqua è una alternativa importante rispetto all’elettricità prodotta con sistemi di pompaggio a base diesel. Si tratta di pompe solari prettamente basate sulla tecnologia fotovoltaica, che ha subito una enorme evoluzione nell’ultimo decennio anche a livello di costi, che converte l’energia solare in energia elettrica per funzionare una pompa idraulica a motore a corrente continua o alternata.

Infografica tratta dal nuovo Rapporto FAO "The Benefits and Risks of Solar Powered Irrigation – a global overview"

Nonostante questo le pompe solari ancora un costo di investimento iniziale relativamente elevato, per il quale si rendono necessari finanziamenti e di sussidi, con particolare riferimento per i piccoli agricoltori. Proprio a fronte di questo aspetto l’invito della FAO ai governi di tutto il mondo è quello di orientarsi verso sussidi verdi abbandonando quelli solitamente legati a combustibili fossili (gasolio agricolo). Un ulteriore significativo vantaggio è poi costituito dal fatti che i pannelli solari producono energia anche nei periodi in cui non è necessaria l’irrigazione, migliorando la gestione di opifici agricoli come mulini, depuratori d’acqua  risaie, etc..

Proprio in questo ambito si colloca la significativa attività di monitoraggio dalla Environmental Protection Agency, sulle emissioni derivanti dalle pompe di irrigazione in California, visto che in quel paese si stima infatti che ben il 70-75% delle risorse idriche e circa l’8-10% della propria energia primaria venga utilizzata per l’irrigazione, con le pompe che consumano circa il 98% dell’energia totale utilizzata nelle aziende agricole californiane.

Incremento dell’efficienza di pompaggio, economicità di gestione, riduzione delle emissioni inquinati e climateranti e perfetta sintonia con la sempre più diffuse pratiche legate a metodi di coltura biologici, sono solo i principali vantaggi che  l’irrigazione ad energia rinnovabile può offrire agli agricoltori. Al riguardo lo stato della California ha già messo in campo una serie di politiche e di pianificazioni finalizzate alla promozione dell’adozione di tecnologie basate sull’energia solare per agricoltori e allevatori. Tra questi, per esempio, si collocano gli incentivi federali a strumenti come il Rural Energy for America Program (REAP) che supporta l’uso delle rinnovabili e il miglioramento dell’efficienza energetica, incoraggiando studi di fattibilità nel campo delle green energy e degli audit energetici. Sono inoltre in corso progetti per l’adeguamento della gestione delle risorse idriche ai cambiamenti climatici supportati da una piattaforma di stakeholder, sotto il nome di “California Water Action Collaborativo” (CWAC).

Al riguardo, proprio uno dei paragrafi dell’Almanacco di Ecofuturo è dedicato ad una bellissima storia tutta italiana di una elio pompa solare della Somor di Lecco, azienda operativa  fino al 1964, prima di soccombere alla prepotenza del boom economico basato sul petrolio che oggi sta mostrando tutto il suo oscuro rovescio della medaglia, andando in liquidazione. Straordinario dopo ben 50 anni, riscoprire quella esperienza da parte di Giordano Mancini, che con la Nuova Somor ha riesumato, attualizzandole con le tecnologie oggi disponibili, quelle antiche tecnologie solari, così attuali oggi in piena crisi della società consumistica, giunta oramai al capolinea (vedi post “Povertà ed accesso all’acqua nel mondo: le grandi risposte delle rinnovabili con l’”eliopompa termodinamica”").

 

Scarica il Rapporto FAO ““The Benefits and Risks of Solar Powered Irrigation – a global overview” 

Sauro Secci

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS